attivita-montessori

Continuano le proposte di gioco ispirate al metodo Montessori. Se non hai ancora letto i precedenti articoli pubblicati sul blog, ti consigliamo di cercarli in questa sezione. Troverai una serie di idee da cui prendere spunto per organizzare le attività che vorrai a tua volta proporre ai bambini dai 2 ai 6 anni. Leggi l’articolo fino in fondo per conoscere altre 3 proposte che prevedono nuovi percorsi di gioco e scoperta, allestiti nel vassoio e pensati per favorire il pensiero logico del bambino.

Dividere per categorie

Questa breve carrellata di attività di gioco è dedicata allo sviluppo del canale visivo. In ciascuna delle tre proposte, i bambini potranno esercitare il pensiero logico, ovvero la capacità di riflettere sulle proprietà comuni delle cose, di schematizzarle nella struttura del concetto e di organizzare le nozioni acquisite secondo una serie gerarchica. Quest’area dello sviluppo è favorita dalla presenza di materiale semplice (pochi stimoli in contrasto tra loro) che, come l’approccio montessoriano insegna, è presentato in maniera ordinata e armonica.

La prima attività che proponiamo è una versione più complessa del gioco del travaso. In questo esercizio, oltre a spostare il materiale da un contenitore a un altro, il bambino è invitato a riconoscere le diverse categorie e, quindi, a separarle in base alle differenti caratteristiche. Ho utilizzato alcune varietà dello stesso elemento (i fagioli), in modo che il bambino potesse realizzare la classificazione osservando solamente questi due attribuiti: forma e colore.

Allo stesso modo, è possibile proporre la medesima attività utilizzando, ad esempio, varie tipologie di granaglie (ceci, fagioli, fave…), oppure diversi tipi di pasta o altre idee che ti vengono in mente.

Materiali: fagioli di varie qualità (borlotti, cannellini, rossi, messicani...).
Strumenti: un contenitore con più reparti (qui ho usato un piatto per acquerello), una cesta in cui mettere tutti i fagioli da dividere, una pinza per afferrarli (facoltativo, il bambino può usare le dita).

Distinguere con gli incastri solidi

Gli incastri solidi montessoriani rappresentano un’esperienza davvero importante per l‘affinamento distintivo delle dimensioni con le sole percezioni visive (Montessori, La scoperta del bambino).

Nell’allestire questo gioco abbiamo procurato degli incastri più piccoli, con la base lunga circa 15 cm, così da poterli mettere all’interno del vassoio. Nella metodologia montessoriana i sostegni degli incastri sono invece più grandi (55 cm) in modo che il bambino sia agevolato nel prenderli e portarli al tavolino o al tappeto per giocare.

Incastri solidi – sono tre sostegni massicci di legno di colore naturale, ma verniciato e lucido; tutti e tre uguali in forma e in dimensione (lunghi 55 cm., alti cm. 6, larghi cm. 8). Questi portano ciascuno dieci pezzi a incastro, che sono altrettanti cilindretti lisci e scorrevoli, maneggiabili mediante un bottoncino messo nel piano superiore e che si possono sfilare e infilare facilmente nei fori che, scavati nel sostegno, corrispondono perfettamente ed esclusivamente a ciascun cilindro.

Maria Montessori

Questo materiale offre la possibilità al bambino di poter fare esperienza con due qualità dell’oggetto: l’altezza (e, di conseguenza, la profondità del sostegno), il diametro (diverso per ogni pezzo d’incastro). Il gioco può essere presentato già costruito, il bambino quindi toglierà dalla base i singoli pezzi d’incastro per poi ritrovare la loro giusta collocazione.

Materiali: incastri solidi in legno.
Strumenti: mani e occhi.

Associare le figure

Stupisce la capacità dei bambini, presente già da piccolissimi, di riuscire ad associare l’oggetto reale alla sua rappresentazione grafica. Ad esempio, riconoscono un cane sia quando hanno davanti una fotografia realistica dell’animale, sia se guardano un’immagine stilizzata.

Sull’onda di questa innata competenza rappresentativa abbiamo realizzato un semplice gioco di associazione recuperando alcuni oggetti di legno con la forma e l’illustrazione di un animale e costruendo la corrispondente immagine che ritrae l’animale così com’è nella realtà.

Abbiamo recuperato gli animali in legno da un gioco di equilibrio e sopra alcune rondelle in legno (della stessa quantità) e abbiamo incollato (con la colla vinilica) le immagini corrispondenti.

attivita-montessori

Materiali: sagome con animali disegnati, tasselli con immagini reali degli stessi animali.
Strumenti: cesto per raccogliere le sagome, occhi e mani.

Se hai trovato queste proposte interessanti o se hai sperimentato attività simili, faccelo sapere nei commenti. Ci farebbe davvero piacere leggerle!

Ester ListiAuthor posts

Avatar for Ester ListiAvatar for Ester Listi

Pedagogista ai sensi della L. 205/2017 e L. 4/2013, con specializzazione nella fascia di età 0-6, Consulenza Pedagogica in ambito Familiare, Giuridico e Scolastico e nella CTU-CTP pedagogica nell’ambito delle separazioni.

0 0 votes
Article Rating
Accedi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments