genitori separati

Tra le questioni che ti troverai ad affrontare dopo la separazione ce n’è una per nulla semplice, quella relativa alla divisione del tempo di permanenza dei figli tra i genitori. Premetto che ognuno di noi è diverso e agisce secondo bisogni, priorità e valori molteplici. A ciò ne consegue che ci sarà certamente chi vivrà questa situazione con maggiore difficoltà e sofferenza, vedendosi negata la possibilità di partecipare alla vita dei propri figli nel corso dell’intera quotidianità.

D’altra parte, invece, ci sarà chi si mostrerà maggiormente a suo agio a vivere la genitorialità alternata, probabilmente convinto/a dell’affermazione (a mio avviso, troppo spesso abusata) che, relativamente al tempo trascorso con i figli sia più importante la qualità rispetto alla quantità.

Eppure, non è affatto scontato ristabilire i tempi di frequenza con i figli nelle famiglie divise in modo da garantire ai bambini e ragazzi il loro diritto di crescere e relazionarsi con entrambi i genitori (diritto alla bigenitorialità). A tal proposito, trovo importante rimarcare il fatto che si continua a essere genitore anche quando è “il turno” dell’ex coniuge o partner.

genitori separati

Già questa affermazione, “il turno”, invita a una riflessione. Essere genitore non deve mai essere vissuto (o fatto vivere all’altro/a) come un lavoro a ore, con un cartellino da timbrare e, una volta beggiata l’uscita, chi si è visto si è visto. Essere genitore è la più grande responsabilità della tua vita.

Dunque, seppure si dovrà tenere conto dei desideri e delle necessità dei grandi, in forza del loro diritto all’autorealizzazione e alla ricerca di nuove opportunità di felicità dopo un’esperienza dolorosa come è quella della separazione, il punto da cui è importante partire nella riorganizzazione dei nuovi tempi e ritmi familiari, rimane nella maniera più assoluta quello dei figli. Definire questa priorità serve a garantire loro la possibilità di crescere in un ambiente capace di infondere sicurezza e continuità degli affetti. Per tal motivo può rendersi talvolta necessario dover fare un passo indietro e riuscire a trovare il miglior punto d’incontro con l’ex.

genitori separati

Per fare questo si dovrà necessariamente tenere conto e riflettere sui seguenti bisogni di bambini e ragazzi:

  • bisogno di stabilità, ossia poter vivere con una certa continuità in un ambiente familiare, e poi nell’altro, senza essere continuamente “traslocato” a destra e sinistra.
  • bisogno di semplicità, ogni spostamento implica un’organizzazione maggiore nella gestione delle cose necessarie ai bambini e ragazzi per l’esperienza ludica, scolastica, sociale e per eventuali necessità sanitarie. Servirà, ad esempio, un accordo che sia il più possibile pratico e, in alcuni casi, economico, per coordinare lo spostamento o la doppia presenza nelle due abitazioni di vestiti, giochi, libri, medicine per terapie e materiale scolastico, senza che questo comporti un continuo stress per adulti e bambini.
  • bisogno della bigenitorialità, questo è forse uno dei valori più difficili da interiorizzare durante una separazione, specie quando è ancora acceso il conflitto tra i coniugi. Si lavora da entrambe le parti per tutelare il bisogno dei bambini e ragazzi di conservare e vivere un rapporto saldo con i loro genitori. Al di là delle proprie opinioni e sentimenti verso l’altro genitore, il fatto di allenarsi a concentrarsi sul diritto del bambino a ricevere l’affetto e la protezione da ambe le parti consentirà di ristabilire l’ambita quiete dopo la tempesta.

Sapevi che per gestire il tempo dei figli e trovare un nuovo equilibrio familiare dopo la separazione e il divorzio puoi chiedere aiuto al pedagogista? Compila il form per ricevere informazioni

Please enable JavaScript in your browser to complete this form.
Nome

Ester ListiAuthor posts

Avatar for Ester ListiAvatar for Ester Listi

Pedagogista ai sensi della L. 205/2017 e L. 4/2013, con specializzazione nella fascia di età 0-6, Consulenza Pedagogica in ambito Familiare, Giuridico e Scolastico e nella CTU-CTP pedagogica nell’ambito delle separazioni.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *